martedì 7 marzo 2017

#LA NOSTRA NUOVA REDAZIONE.IT




Il 24 febbraio 2017 abbiamo dato VITA alla nuova redazione del “il FuoriClasse”. 
Novità assoluta: 6 mini redazioni, ognuna con un ruolo diverso 
1) interviste 
2) orientamento 
3) anti bullo
4) sport
5) progetattica
6) i nostri consigli. 

Ognuna di queste mini redazioni è guidata da un capo redattore, ovvero il coordinatore del gruppo di lavoro, che fa riferimento al vice direttore, responsabile di tutti i gruppi di lavoro, il quale riferisce il lavoro svolto al personaggio apicale della nostra redazione, ossia il direttore, il dottor Gino Di Tizio, giornalista sportivo che attualmente si occupa di un giornale web, da lui diretto. 

Girano nomi nuovi, questo perché, mentre gli anni scorsi la direzione del “giornalino scolastico on-line” era esclusivamente della 3*C, quest’anno, invece, anche rappresentanti delle altre terze si sono inseriti nella redazione del blog. Se volete conoscerne i nomi cliccate su "Chi siamo" 

Dopo il primo incontro del 24 ce ne saranno altri, all'incirca ogni mese; l’ultimo incontro servirà ad illustrare il funzionamento del blog e della redazione alle attuali classi seconde, che dirigeranno il “FuoriClasse” l’anno prossimo. 

Adesso vi lasciamo alla lettura dei nostri articoli. Al prossimo mese!!

Ciao da Andrea.







VITTORIA ALLA FESTA DELL'ORTO IN CONDOTTA




11 Novembre 2016, giorno di San Martino, Slow Food ci ha proclamati vincitori del concorso ‘Orto in Condotta’.

Il  logo per l’olio extravergine d’oliva italiano, realizzato dalla nostra classe è risultato vincitore.
Tre alunne della nostra classe si sono offerte per la realizzazione del disegno. Sfruttando un input dato da Alessandro, Desirée, Sara e Alessandra hanno rivisitato il logo migliorandolo ulteriormente. Il professor Giordano lo ha scannerizzato inviandolo alla giuria del concorso. 
 
Più di 400 istituti hanno partecipato a ‘Orto in Condotta’ inviando più di un logo per scuola. E tra tanti il nostro è stato scelto: una grande vittoria, una grande soddisfazione.

Tutta la classe è entusiasta per  la vittoria anche perché il nostro logo sarà utilizzato per contrassegnare le bottiglie degli oli extravergine d’oliva italiani del presidio Slow Food!!!


mercoledì 31 agosto 2016

LE RADICI SONO IMPORTANTI NELLA VITA DI UN UOMO, MA NOI UOMINI ABBIAMO LE GAMBE, NON LE RADICI, E LE GAMBE SONO FATTE PER ANDARE ALTROVE. (P. CACUCCI)






                

        ITACA


di Costantino Kavafis


Quando ti metterai in viaggio per Itaca
devi augurarti che la strada sia lunga,
fertile in avventure e in esperienze.
I Lestrigoni e i Ciclopi
o la furia di Nettuno non temere,
non sarà questo il genere di incontri
se il pensiero resta alto e un sentimento
fermo guida il tuo spirito e il tuo corpo...

mercoledì 15 giugno 2016

INTERVISTA ALLA NOSTRA DIRIGENTE PAOLA DI RENZO (ultima parte)








Noi sappiamo che nel 1992 lei ha partorito e si è laureata. Dove ha trovato la forza di coltivare la sua passione dopo la maternità?

Questa è una bella domanda. Io ho un percorso di studi molto particolare: ho frequentato la scuola media ‘De Lollis’ dopo gli anni ‘80 quando era un edificio recentemente costruito, molto bello, con tanti laboratori; era una scuola, per l’epoca, all’avanguardia. Dopodiché mi sono trovata a scegliere la scuola superiore, che adesso si chiama Secondaria di Secondo Grado ed ero tesa tra due volontà, da una parte ero attratta dagli studi classici dall’altra però avevo questa tensione di dover arrivare al più presto nel mondo della scuola...

venerdì 3 giugno 2016

INTERVISTA ALLA NOSTRA DIRIGENTE, PAOLA DI RENZO (seconda parte)




Cominciamo questa seconda parte dell’intervista alla nostra Dirigente, dott. Paola Di Renzo con una domanda posta da Andrea



Le è  mai capitato di avere delle difficoltà? Come le ha superate?



Certo, nel mio lavoro capita ogni giorno di avere qualche difficoltà, proprio ogni giorno, forse è per questo che amo il mio lavoro, perché non ci si annoia.

Funziona in questo modo: ci sono delle priorità. La mattina arrivo a scuola, sapendo che devo fare prima una certa procedura, poi devo incontrare alcuni genitori e, siccome siete tanti e quindi la complessità è tanta perché componete più di 50 classi, e siete più di 1200 alunni, puntualmente accade qualcosa che mi fa rivedere la scaletta delle priorità per mettere in cima il bisogno di un alunno o di un docente; a volte capitano anche delle emergenze e io devo avere la prontezza di risolverle.

Quindi le difficoltà ci sono ogni giorno e mi può capitare di non avere l’idea pronta al momento, è un caso che devo studiare, è un caso che devo risolvere e questa è una difficoltà che però a me piace superare; lo trovo molto divertente e molto stimolante...

venerdì 27 maggio 2016

"Marciando" verso la vittoria con Roberta (di Langella, Pascucci e Ticozzi)




È stato un onore intervistare R. Cesarii, alunna della classe 3° A della Scuola Secondaria di Primo Grado “V.Antonelli” che, con grande impegno e dedizione, si è allenata per raggiungere il proprio sogno: arrivare alle gare nazionali di marcia, che si svolgeranno a Roma dal 31 Maggio al 2 Giugno presso la Stadio dei Marmi, rappresentando il nostro Istituto a livello nazionale.



Quando è nata la passione per l’atletica?
Circa un anno e mezzo fa.
L’atletica è il tuo unico sport?
Si, anche se prima praticavo equitazione.
Ti saresti mai aspettata di arrivare a questo livello?
All’inizio no, perché avevo gli allenamenti un giorno a settimana, ma poi con l’intensificarsi degli allenamenti, ho iniziato a pensare che forse ce l’avrei fatta.
Quante ore al giorno ti alleni?
Da 2 a due ore e mezza.
Come ti sei sentita quando hai passato le fasi regionali, avendo la consapevolezza di essere la rappresentante della nostra scuola alle nazionali?
All’inizio non mi ero resa conto, ma poi, quando ho ricevuto i certificati nazionali, mi sono sentita molto soddisfatta, anche per tutti i sacrifici che avevo sopportato.
Quando è previsto il giorno della tua gara ?
Andiamo lì dal 30 maggio, ma i giorni della gara sono 31,1,2, mentre io parteciperò il 2, il giorno del mio compleanno e lo stesso giorno andrò a vedere il “Golden gala”, subito dopo la gara.

Naturalmente  poniamo alcune domande al prof. Puddu, docente di educazione fisica della Scuola.

Com’è allenare Roberta?
Roberta pratica atletica leggera, quindi allenarla è stato molto semplice anche perché è animata da una grande passione. È un’atleta molto disciplinata, svolge i compiti che le vengono assegnati ed ha anche delle ottime doti di base.

lunedì 23 maggio 2016

Intervista alla nostra Dirigente, Paola Di Renzo (prima parte)





Intervistare la nostra Dirigente, Paola Di Renzo, è stato uno dei primi obiettivi che ci siamo posti dalla “nascita” del blog.
Quando venerdì 13 maggio ne abbiamo avuto la possibilità, quasi non ci sembrava vero. Al di là di ogni scaramanzia che la data porta con sè, abbiamo vissuto una bella esperienza che ci ha dato la possibilità di conoscere meglio la nostra DS e di scoprirne lati nuovi ed affascinanti.
A volte le persone che occupano posti importanti vestono la maschera dell’austerità e distanza che il ruolo porta con sé, invece la nostra Dirigente ci ha dimostrato che mettersi in gioco e accettare di confrontarsi anche con noi alunni non intacca il proprio valore, ma ne aumenta la stima e la professionalità.
Di seguito pubblichiamo parte dell’intervista fatta; pubblicheremo la parte restante fra qualche giorno.
Abbiamo preso questa decisione perché riteniamo importanti e significative le cose dette e degne di una pausa di riflessione...


La prima domanda la pone Martina:
Quale mestiere voleva fare da bambina? Il suo sogno si è realizzato?

Il mio sogno si è realizzato pienamente, anche perché fin da bambina ho respirato aria di scuola: mia madre è stata un’insegnante per oltre trent'anni, poi è morta presto e quindi non ha completato la sua carriera, ma trentasette anni di servizio li ha vissuti, e anche le mie zie sono state tutte insegnanti per cui io, il mondo della scuola, l’ho sempre respirato.
La cosa straordinaria della mia vita è stata che la vita professionale si è sempre intrecciata con la vita affettiva, perché il caso ha voluto che il mio primo incarico di dirigenza, nel 2007, fosse proprio nella scuola dove mia madre aveva insegnato per trent'anni. Lì sono tornata da Preside, ma io preferisco Dirigente Scolastico...